Day 347

On air

Sono un bingewatcher seriale. Ovvero mi nutro durante le pause della giornata, quando e se ci sono, di serie TV.
Non è una moda, o almeno, non penso che lo sia, credo più verosimilmente che sia qualcosa che vada a ricercarsi nel raccontare una storia.
Storie che in alcuni casi non si possono risolvere in due ore di film, ma devono svilupparsi e spiegarsi e necessitano di tempo, tanto tempo.
Quelle storie, che per un motivo o per un altro, il cinema di per sé non riesce più a raccontare a mio avviso. L’impressione che ho uscendo dai cinema negli ultimi anni è sempre quello di dire:”bello il film eh..però..boh non mi ha convinto fino in fondo.”
Sembrano spesso storie già viste, già sentite e riscritte in chiave diversa, ma sempre là intorno vanno a picchiare.
Per carità ogni cosa ha un suo inizio e una sua fine, nel mezzo il suo apice di grandezza e poi una stabilità costante per un certo periodo di tempo e credo che il cinema di per sé sia in questa fase.
Fase che ad esempio la televisione ha ampiamente superato e che adesso sta inesorabilmente scivolando verso il proprio baratro, incontro alla sua fine.
In tutto questo, però, c’è sempre la famosa e onnipresente eccezione, che per quanto tu ti possa spremere le meningi, non riesci a capire come sia possibile che non conosca crisi. E credo di aver individuato l’eccezione in un canale di comunicazione vecchissimo, il più vecchio di tutti: LA RADIO.
La radio non muore mai. E a pensarci è strano, perché con tutta la tecnologia a disposizione oggi un oggetto del genere non è obsoleto è proprio arcaico. Perfino la realtà aumentata della Samsung è entrata di prepotenza sul mercato, ma niente la radio resta lì.
E se uno ci riflette sopra, bypassando i pensieri superficiali, la radio è in realtà il massimo della realtà aumentata possibile, perché quando incontri lo speaker giusto sulla frequenza giusta, beh..li ti si attiva la fantasia e non c’è realtà aumentata che possa tener testa. E’ come leggere un libro, quando capiti su quello giusto ti sembra di viaggiare.
Però il problema sta anche li, trovare qualcuno o qualcosa che ti arrivi e che sappia intrattenerti e farsi ascoltare.
Io penso di averlo trovato, anzi al plurale, perché sono due. Sono entrambi sullo stesso network e hanno qualcosa che riesce a incollarti con le orecchie alla cassa della radio per sentire cosa hanno da dire.
Il primo riesce a farmi svegliare con due ore di anticipo e va in onda la mattina alle 7, ma in realtà inizia un’ora prima ed è Il capitano Marco Galli.
Il secondo invece è il Dj più odiato d’Italia, da parte di tutti quelli che neanche l’ascoltano, ma a lui va bene così, ed è Marco Mazzoli il dj e conduttore de ”lo zoo di 105”.
Lo zoo è un programma come non ne esistono, è un programma a volte populista a volte demagogico a volte serio e riflessivo a volte semplicemente intrattenimento, ma ha sempre qualcosa da dire. Riesce a farsi voler bene usando linguaggio popolare, scavalcando perbenismi e bigotteria, a volte vanno sopra le righe, ma è come camminare su una sottile corda sospesa per aria, può capitare fare qualche passo falso, ma stare per la quasi totalità del tempo in equilibrio è quella la cosa difficile.
In questi giorni al cinema c’è proprio il film della vita di questo conduttore radiofonico (on air – storia di un successo) e, se come credo, rispecchia l’anima del programma radio, credo che finalmente tornerò al cinema e all’uscita potrò dire:”bello” senza se e senza ma, perché quando uno ha qualcosa da dire veramente e riesce a trasmetterlo, li si crea quella magia di cui ha bisogno il cinema. Non si parla più di incassi, di attori, di case cinematografiche, si parla di idee e di storie di vita. E sono le storie più belle.

Ora scusate, ma devo scappare, inizia lo zoo…..
on-air-416x264

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...